2 Febbraio 2024
COLDIRETTI TREVISO PROTESTA A BRUXELLES

COLDIRETTI TREVISO PROTESTA A BRUXELLES

Gli agricoltori di Coldiretti Treviso sono a Bruxelles per la prima mobilitazione europea contro le follie dell’Unione Europea che minacciano l’agricoltura in occasione del Vertice straordinario sul bilancio dell’Ue, al quale partecipa anche il premier Giorgia Meloni. Una iniziativa per sostenere tra l’altro la proposta per la deroga alle norme comunitarie sull’assurdo obbligo di lasciare i terreni incolti previsto dalla Politica agricola comune (Pac) come richiesto nel piano.
La delegazione trevigiana è guidata dal vice presidente Mattia Mattiuzzo e dal direttore Giuseppe Satalino insieme a Marco De Zotti, delegato di Giovani Impresa Treviso e Veneto.
Al grido "Non è l’Europa che vogliamo” la delegazione trevigiana insieme a quella veneta guidata, invece, da Carlo Salvan presidente di Coldiretti Veneto e dal direttore Marina Montedoro è giunta  in Place du Luxembourg, di fronte al Parlamento europeo insieme ai colleghi provenienti dalle altre regioni italiane, dal sud e dal nord dell’ Unione Europea dagli spagnoli di Asaja ai portoghesi di Cap ai belgi dell’Fwa e molti altri che invadono la capitale dell’Unione per trasformare le proteste in proposte concrete.

"Siamo qui nel cuore dell'Unione Europea – sottolinea Coldiretti Treviso -  con migliaia di agricoltori per contestare nuovamente la politica agricola comunitaria che non ci piace, che criminalizza l'imprenditore agricolo, che pone eccessive condizioni ed espone l' intero settore agroalimentare alla concorrenza sleale,  alla perdita di redditività oltre che annullare il ruolo centrale dell'agricoltore quale custode del territorio e produttore di cibo sano".

“Chiediamo che sull’import ci sia un netto stop all’ingresso di prodotti da fuori dei confini Ue che non rispettano i nostri stessi standard. Non possiamo più sopportare questa concorrenza sleale, che mette a rischio la salute dei cittadini e la sopravvivenza delle imprese agricole” sottolinea anche Giuseppe Satalino facendo proprie le parole del presidente nazionale Prandini.

 

Coldiretti chiede di tornare a investire nella sovranità e nella sicurezza alimentare europea assicurando più fondi alla Politica agricola comune dopo che la pandemia e le guerre hanno dimostrato tutta la fragilità dell’Unione europea davanti al blocco del commercio mondiale, ma anche la difficoltà del sistema produttivo sconvolto dalla violenza dei cambiamenti climatici, per proteggersi dai quali servono investimenti adeguati nella difesa attiva e passiva.

Dobbiamo aumentare gli investimenti in agricoltura – ha continuato Satalino -, garantendo più sostegni ai giovani per il ricambio generazionale nel nostro settore. Senza ragazze e ragazzi in agricoltura, l’Europa sarà più fragile e dipendente dalle importazioni.

Psr Padova Corsi

PSR Padova - Corsi

Gruppo Operativo Brenta 2030

GRUPPO OPERATIVO BRENTA 2030

Campagna Amica

Campagna Amica

Scopri i nostri Mercati di Campagna Amica

Vieni a trovarci nei Mercati di Campagna Amica

L’Amico del Coltivatore

Sfoglia on line l'ultima uscita

Fiori a casa tua

Scopri le aziende florovivaistiche che praticano la vendita on line e la consegna a domicilio

La spesa a casa tua

Tutte le aziende che consegnano a domicilio

Psr Padova Corsi

PSR Padova - Corsi

Gruppo Operativo Brenta 2030

GRUPPO OPERATIVO BRENTA 2030

Campagna Amica

Campagna Amica

Scopri i nostri Mercati di Campagna Amica

Vieni a trovarci nei Mercati di Campagna Amica

L’Amico del Coltivatore

Sfoglia on line l'ultima uscita

Fiori a casa tua

Scopri le aziende florovivaistiche che praticano la vendita on line e la consegna a domicilio

La spesa a casa tua

Tutte le aziende che consegnano a domicilio