16 Aprile 2015
COOPERAZIONE E AGRICOLTURA: LE OPPORTUNITÀ PER VINCERE LA CRISI

Cento milioni di euro dal Piano di Sviluppo Rurale nei prossimi sei anni per le cooperative venete. È una delle opportunità sottolineate durante l'incontro annuale oggi a Padova di UE.COOP, l'associazione nata due anni fa su iniziativa di Coldiretti per dare una nuova forma di rappresentanza al mondo della cooperazione. Una parte significativa dei fondi europei destinata allo sviluppo rurale potrà andare a beneficio delle cooperative venete pronte a scommettere su innovazione e competitività. Una specifica misura del Psr è dedicata appunto alla competitività e vede uno stanziamento di poco più di 100 milioni di euro per la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli. Il primo bando apre in autunno,  perciò non c'è tempo da perdere, hanno sottolineato i relatori durante l'incontro a Padova, perché anche le cooperative possono partecipare.  
"UE.COOP conta oggi in Italia oltre 4.200 cooperative, 200 delle quali in Veneto, che spaziano in ben 14 settori, dell'agroalimentare ai servizi alla persona,  dalla produzione lavoro alla logistica. - ha ricordato Eugenio Torchio, coordinatore di Ue.Coop per il Nord Italia - Abbiamo lanciato e vinto una sfida. Abbiamo fatto incontrare il mondo del primario dei consorzi agrari,  delle cantine sociali,  delle latterie con quello del sociale e dei servizi,  perché condividiamo diversi obiettivi comuni.  Nel frattempo abbiamo messo in atto collaborazioni con strutture collaterali a noi vicine.  Quanto alla legalità noi abbiamo un ben preciso codice etico per lasciar fuori ogni forma di opacità sia sul fronte del mondo del lavoro che su quello finanziario".
"Le cooperative devono essere utili ai soci" ha ricordato Federico Miotto, presidente di Coldiretti Padova citando Papa Francesco. "In un momento in cui l'economia arranca - ha continuato Miotto - e fatica a ripartire il lavoro non è più una certezza. Dal mondo della cooperazione possono venire delle risposte concrete alle persone e al territorio. Però le cooperative devono disporre degli opportuni strumenti per lavorare e valorizzazione le proprie risorse".  
Fondamentale anche poter contare su una adeguata consulenza creditizia e finanziaria, come ha spiegato Enrico Rossi di CreditAgri Italia, realtà che genera ogni anno 500 milioni di finanziamenti alle imprese agricole.  "Nel settore bancario c'è scarsa competenza su temi agricoli. Noi abbiamo messo a disposizione nostro capitale e strumenti per gli agricoltori. Sosteniamo anche i progetti delle cooperative dialogando con i più importanti gruppi bancari. Sul territorio possiamo contare su un team di specialisti del credito pronti a dare le risposte alle aziende e alle cooperative in campo finanziario, dalla redazione del bilancio alla ricerca di finanziamenti per i progetti di sviluppo".
Una delle strade da percorrere, ha sottolineato Manuel Benincà di Coldiretti Veneto, è quella di un uso mirato delle risorse dell'Unione Europea attraverso il nuovo Piano di Sviluppo Rurale del Veneto. "Dalle misure per la competitività possono venire interessanti opportunità per il mondo cooperativo, in particolare dal sostegno agli investimenti per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. Sono a disposizione poco più di 100 milioni di euro. Cooperative agricole di produzione possono partecipare anche alla misura sull'ammodernameto per le imprese agricole. Sono ammessi investimenti che migliorano le prestazioni e la sostenibilità globali dell'azienda. Sul fronte dello sviluppo delle filiere, attuato dal sistema delle agroindustrie, va trovato il sistema per valorizzare le produzioni del territorio delle nostre imprese e cooperative. Infine possiamo trovare delle risorse per finanziare la diversificazione delle imprese agricole  e la creazione di attività extra agricole in zona rurale, rivolte al sociale, all'artigianato e al turismo ".
La cooperazione può investire con profitto sulla formazione, attingendo anche a risorse europee, ha ricordato Augusto Pivanti di Coldiretti Veneto: "Ci stiamo occupando di "manutenzione" delle competenze e di innovazione. Nel sociale stiamo ragionando su iniziative di accoglienza nella realtà rurale come agriasili o servizi per anziani. Per la formazione sono a disposizione fondi europei che permettono di realizzare progetti specifici per il personale delle cooperative. Nel 2014 in Veneto abbiamo realizzato ben 95 mila euro per la formazione". 

Punto Impresa Ditale PID

Le attività e le iniziative di Coldiretti e Impresa Verde Padova per diffondere la cultura e la pratica digitale fra le imprese agricole

L'Amico del Coltivatore

Sfoglia on line l'ultima uscita

Fiori a casa tua

Scopri le aziende florovivaistiche che praticano la vendita on line e la consegna a domicilio

La spesa a casa tua

Tutte le aziende che consegnano a domicilio

Campagna Amica

Campagna Amica

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale e-Learning Coldiretti Veneto

Portale Coldiretti Veneto e-Learning