14 Maggio 2020
CORONAVIRUS, LE ANTICIPAZIONI DEL “DECRETO RILANCIO”

A questo collegamento il comunicato completo: Comunicato del Consiglio dei Ministri

In attesa del testo definitivo del Decreto Rilancio, licenziato dal Consiglio dei ministri la sera del 13 maggio, vi anticipiamo le misure più importanti  per il nostro settore che dovranno però essere confermate a Decreto pubblicato.

  • Cancellata la clausola di salvaguardia che prevedeva l’aumento delle aliquote IVA a partire dal primo gennaio 2021.
  • Rinvio dei versamenti:slittano al 16 settembre i versamenti di imposte e contributi sospese nei mesi di marzo, aprile e maggio. Il pagamento potrà avvenire in unica rata o dilazionato in 4 rate di pari importo a partire sempre dal mese di settembre.
  • IRAP:Non è dovuto il versamento del saldo Irap 2019 e della prima rata dell’acconto, dai contribuenti hanno maturato, nel periodo d’imposta precedentericavi non superiori a 250 milioni di euro.
  • Compensazioni: non si applica la compensazione tra il credito d’imposta e il debito iscritto a ruolo. Viene inoltre aumentato da 700mila euro a un milione il limite annuo di crediti compensabili tramite modello F24 ai soggetti esercenti arti e professioni.
  • Rivalutazioni: per i beni posseduti, terreni e partecipazioni, al 1° luglio 2020, pagando un’imposta sostitutiva dell’11% sul valore peritato ne viene rideterminato il valore;
  • Differimento atti:gli atti di accertamento, di contestazione, di irrogazione delle sanzioni, di recupero dei crediti di imposta, di liquidazione e di rettifica e liquidazione, per i quali i termini di decadenza scadono tra il 9 marzo e il 31 dicembre 2020, sono emessi entro il 31 dicembre 2020 e sono notificati nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2021;
  • Trasmissione telematica dei corrispettivi: viene prorogato fino al 1° gennaio 2021 il periodo di non applicazione delle sanzioni in caso di trasmissione telematica dei corrispettivi entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.
  • Bonus sanificazione:Ai soggetti esercenti arti e professioni, agli enti non commerciali, compreso il Terzo del settore viene riconosciuto, sulle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti utilizzati,  di acquisto di dispositivi di protezione individuale e di tutela della salute, un credito d’imposta pari al 60% fino ad un massimo di 60.000 euro per ciascun beneficiario;
  • Bonus affitti: Per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente, è previsto un credito d’imposta del 60% del canone di locazione di immobili a uso non abitativo destinati allo svolgimento delle attività d’impresa o di lavoro autonomo. Il credito d’imposta è commisurato all’importo versato nel periodo d’imposta 2020 con riferimento a ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio.
  • Incentivi per risparmio energetico: per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, la detrazione si applica nella misura del 110%per le spese di isolamento termico e per le spese di sostituzione degli impianti di climatizzazione con caldaie a pompa di calore o a condensazione. Gli interventi devono assicurare il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio. È riconosciuta la detrazione del 110% anche per gli interventi antisismici sugli edifici nonché per gli interventi di installazione di specifici impianti fotovoltaici.
  • Credito d’imposta: ai soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione in luoghi aperti al pubblico è  riconosciuto un credito d’imposta pari al 60%delle spese sostenute nel 2020, per un massimo di 80.000 euro, in relazione agli interventi necessari per far rispettare le prescrizioni sanitarie e le misure di contenimento contro la diffusione del virus Covid-19.
  • Contributi a fondo perduto: È riconosciuto un contributo a fondo perduto ai titolari di partita Iva con ricavi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente, se l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 è inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.L’importo del contributo è compreso tra il 20 e il 10% della riduzione di fatturato, a seconda dell’ammontare dei ricavi e dei compensi del periodo d’imposta precedente.
  • Differimento lotteria degli scontrini: è differita al 1° gennaio 202 1 la decorrenza della c.d. “lotteria degli scontrini”.
  • Sugar tax e plastic tax: rinviate al 1° gennaio 2021 le tasse sulle plastiche monouso e le bevande edulcorate, che erano state previste per quest’anno dall’ultima legge di Bilancio.
  • Reddito di emergenza: è riconosciuto un reddito straordinario ai nuclei familiari in condizioni di necessità economica, che presentano un valore Isee inferiore a 15.000 euro, in due quote ciascuna pari a 400 euro;
  • Indennità di 600 euro: ai soggetti già beneficiari,per il mese di marzo, dell’indennità di 600 euro, la medesima indennità è erogata anche per il mese di aprile 2020.
    Per il mese di maggio l’indennità è individuata in misura pari a 000 euro, ma solo a condizione che ci sia stata una comprovata riduzione di almeno il 33% del reddito del secondo bimestre 2020, rispetto al corrispondente periodo dell’anno 2019.
  • Indennità ai lavoratori domestici: ai lavoratori domestici non conviventi con il datore di lavoro, che abbiano in essere, alla data del 23.02.2020uno o più contratti di lavoro per una durata complessiva superiore a 10 ore settimanali è riconosciuta, per i mesi di aprile e maggio 2020, unindennità mensile pari a 500 euro, per ciascun mese;
  • Regolarizzazione lavoratori stranieri: I cittadini stranieri, con permesso di soggiorno scaduto tra il 31 ottobre 2019 e 31 gennaio 2020, potranno richiedere un permesso di soggiorno temporaneo della durata di 6 mesi per svolgere lavori in agricoltura o come colf/badanti.
  • Regolarizzazione rapporti di lavoro irregolari:i datori di lavoro possono presentare istanza, per concludere un contratto di lavoro subordinato con cittadini stranieri presenti sul territorio nazionale ovvero per dichiarare la sussistenza di un rapporto di lavoro irregolare, tuttora in corso, con cittadini italiani o cittadini stranieri.
Fiori a casa tua

Scopri le aziende florovivaistiche che praticano la vendita on line e la consegna a domicilio

La spesa a casa tua

Tutte le aziende che consegnano a domicilio

Campagna Amica

Campagna Amica

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale e-Learning Coldiretti Veneto

Portale Coldiretti Veneto e-Learning