27 Aprile 2021
Decreto Riaperture e attività agrituristica

Il Decreto Riaperture in vigore dal 26 aprile scorso introduce delle nuove regole per l'attività di ristorazione, in particolare in zona gialla, che ovviamente interessano anche gli agriturismi. Pubblichiamo di seguito le risposte alle domande più frequenti mentre a questo collegamento è disponibile il documento della Regione Veneto con alcuni importanti chiarimenti sullo svolgimento di attività di ristorazione all'aperto.

A questo proposito ricordiamo che la Regione del Veneto ha chiarito il concetto di esercizio “all’aperto”: oltre a quello su area senza alcuna copertura, anche lo spazio con soffitto fisso (es. muratura, legno, ecc.) ma con almeno tre lati completamente aperti, salvo l’ingombro dei sostegni senza funzione di chiusura laterale; in caso di pareti laterali costituite fa finestroni scorrevoli e sovrapponibili, deve rimanere aperto almeno il 50% della superficie delle pareti laterali dei tre lati finestrati; i dehors e le altre strutture con chiusure laterali in plastica amovibili e/o pieghevoli devono essere totalmente aperti.

Negli spazi “all’aperto” si possono usare riscaldatori, stufe, altri strumenti correlati alla temperatura esterna.

Per ogni altro aggiornamento o informazione siamo a disposizione.

Agriturismi con camere: gli ospiti che pernottano e cenano in agriturismo, devono cenare e fare la prima colazione all'aperto?

No, (art. 4) resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e nelle strutture ricettive (compreso l’agriturismo) limitatamente ai propri clienti che siano ivi alloggiati.

Strutture che hanno porticati possono essere considerati "all'esterno" ed essere utilizzati per la ristorazione?

Il senso di consentire il consumo al tavolo esclusivamente all’aperto sino al 31 maggio sta, con ogni probabilità, in una evidenza scientifica per cui il virus si disperde nell’aria ed è meno probabile, appunto, che i commensali (che dovranno continuare ad adottare tutte le prescrizioni!!!) vengano a contatto con il virus. Quindi laddove è “quasi come essere all’esterno” non dovrebbero esserci problemi (Attenzione che poi i commensali non chiudano le porte, uno sente un po’ d’aria e chiude le vetrate ecc.).

Agriturismi che hanno sottoscritto i contratti di mensa aziendale per i dipendenti delle ditte, devono far pranzare all'esterno i dipendenti? Secondo il contratto il pranzo dovrebbe essere garantito per tutti i giorni concordati in contratto ....

NO – chiarito dalla Regione Veneto.

Classico caso della famiglia da 5 - genitori e 3 figli - possono mangiare tutti nello stesso tavolo ?

Il limite delle 4 persone/tavolo è relativo a soggetti NON conviventi. Quindi il consumo al tavolo è consentito per un massimo di n.4 persone, salvo che siano tutte conviventi (cfr. Circ. Ministero interno).

Nel caso di attività enoturismo: si dovranno seguire le linee guida per i bar, pertanto degustazioni SI, ma solo all'aperto con le note prescrizioni?

Si dovrà “spacchettare” l’attività di enoturismo rendendola conforme alle diverse attività indicate nelle linee guida.

 

FIRMA LA PETIZIONE: Stop fotovoltaico su suolo agricolo

FIRMA LA PETIZIONE Stop fotovoltaico su suolo agricolo

Campagna Amica

Campagna Amica

Scopri i nostri Mercati di Campagna Amica

Vieni a trovarci nei Mercati di Campagna Amica

L’Amico del Coltivatore

Sfoglia on line l'ultima uscita

Fiori a casa tua

Scopri le aziende florovivaistiche che praticano la vendita on line e la consegna a domicilio

La spesa a casa tua

Tutte le aziende che consegnano a domicilio

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale e-Learning Coldiretti Veneto

Portale Coldiretti Veneto e-Learning