29 Giugno 2020
Varato il “bonus vacanze”, dal primo luglio anche in agriturismo

Con il provvedimento del 17 giugno  del Direttore dell’Agenzia delle Entrate il bonus vacanze introdotto dal Decreto Rilancio è stato definitivamente “varato”. Come è noto, la misura agevolativa è finalizzata a supportare in modo diretto le famiglie che intendono fare le vacanze nel nostro Paese, in modo indiretto il settore turistico nazionale. Si concretizza in un credito fruibile dai nuclei familiari nella misura dell’80% sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto e per il 20% come detrazione d’imposta in dichiarazione.

Lo sconto dell’80% (parametrato sul valore massimo dell’agevolazione oppure sul corrispettivo dovuto, se inferiore) può essere fruito nel periodo compreso tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2020, per il pagamento dei servizi offerti, esclusivamente in ambito nazionale, dalle imprese turistico ricettive, dagli agriturismi e dai bed & breakfast: il pagamento deve avvenire in un’unica soluzione e presso un’unica struttura turistica e deve avvenire senza l’ausilio, intervento o l’intermediazione di soggetti che gestiscono piattaforme o portali telematici, diversi da agenzie di viaggio e tour operator. Per quanto riguarda il rimanente 20%, può essere oggetto di detrazione nel Modello Redditi 2021, esclusivamente dal soggetto intestatario della fattura o documento commerciale o scontrino/ricevuta fiscale. In caso di incapienza, l’eventuale parte della detrazione non fruita non può essere riportata credito, né chiesta a rimborso.

La misura massima dell’agevolazione è pari a 500 euro per i nuclei familiari composti da più di  due persone, mentre scende a 300 euro nel caso di nucleo formato da due persone e a 150 euro se vi è una persona solamente. Lo sconto e la detrazione sono parametrati al bonus: qualora il corrispettivo dovuto fosse inferiore rispetto al bonus, il residuo non potrà essere recuperato in alcun modo. Per quanto riguarda l’individuazione della platea dei destinatari, sono interessati i nuclei familiari aventi un reddito ISEE in corso di validità non superiore a 40.000 euro. Il bonus potrà essere richiesto da un componente del nucleo familiare, anche diverso da quello intestatario della fattura, attraverso l’applicazione per dispositivi mobili IO, l’app dei servizi pubblici, alla quale si può accedere mediante identità digitale Spid o carta d’identità elettronica. L’app genererà un codice univoco e un QR-code identificativo, e uno dei due dovrà essere comunicato al fornitore che ne verificherà la correttezza attraverso la procedura web predisposta nell’ambito dell’area riservata del sito Internet delle Agenzia delle Entrate.

Per “rientrare” dello sconto praticato, l’operatore turistico potrà beneficiare di un credito d’imposta di pari ammontare da utilizzare in compensazione in F24, con un codice tributo apposito che a breve verrà istituito da parte dell’Agenzia. In alternativa, il credito d’imposta potrà essere ceduto anche a soggetti terzi, come ad esempio gli stessi fornitori di beni e servizi dell’impresa, così come gli istituti di credito e gli intermediari finanziari: in questo caso l’operatore turistico dovrà comunicare la cessione totale o parziale del credito d’imposta attraverso un’apposita sezione dell’area riservata del sito dell’Agenzia.

 

Fiori a casa tua

Scopri le aziende florovivaistiche che praticano la vendita on line e la consegna a domicilio

La spesa a casa tua

Tutte le aziende che consegnano a domicilio

Campagna Amica

Campagna Amica

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale Coldiretti Veneto Formazione

Portale e-Learning Coldiretti Veneto

Portale Coldiretti Veneto e-Learning